Investire nell’immobiliare

Il mercato immobiliare è un comparto importante nell'ambito degli investimenti. Vediamo come sta andando

Una piccola crescita
Cominciamo con il dire che, in base ad alcuni rilevamenti di Nomisma, le compravendite hanno fatto registrare un complessivo +5% in questo 2014. Una tendenza che, però, per diventare qualcosa di più strutturato, avrebbe bisogno di un contenimento dei prezzi e, ovviamente, una maggiore accessibilità al credito. Questa percentuale si riferisce, è bene dirlo, al mercato della grandi città. Mentre su base nazionale le compravendite hanno comunque registrato una crescita, seppure più bassa, di circa il 3,7%. Nelle maggiori città è vero che si è registrata una diminuzione dei prezzi che però deve diventare maggiore. Perchè il vero obiettivo deve essere quello di aumentare il numero delle operazioni. ma le previsioni per il 2015 vanno proprio in questa direzione.

Cicli di mercato
Nomisma ha dunque messo in luce come il 2014 possa concludersi con una complessiva inversione di tendenza, verso il meglio. E, analizzando vari cicli di mercato, a partire dal 1971, osserva come non sia ancora del tutto finita la flessione del valore nominale delle case e che questo indichi, in termine di transizioni, una fase di miglioramento ciclico. Nomisma ha studiato come negli ultimi sei anni ci sia stata una crescita del numero di metri quadri che si sono potuti comprare con un reddito annuale. Crescita dovuta proprio ad un calo dei prezzi. Ma perché questa tendenza divenga strutturale, e possa dunque rappresentare un’occasione per gli investimenti immobiliari, è necessaria una ripresa del credito.

Andamento dei mutui
Sebbene nel 2014 vi sia stato un leggero aumento nell’erogazione dei mutui esso è stato comunque più basso di quanto ci si aspettava. In sostanza la tempistica per la vendita rimane alta come alta resta la differenza tra il prezzo d’offerta e sconto. Una differenza che si aggira attorno al 16% nelle metropoli. Buono invece il mercato degli affitti in cui i canoni scendono ma meno dei prezzi delle case. E questo diventa interessante proprio nella logica di investimenti visti come fonte di maggiore redditività lorda. Sia per le abitazioni sia per i negozi

Lascia un commento